Lorenzo Braccesi

Olimpiade

Regina di Macedonia

La prima biografia sulla grande regina, madre di Alessandro Magno

Olimpiade fu tra le figure più carismatiche e in­fluenti del mondo antico, ricoprì un ruolo fonda­mentale nella storia greca, in quanto moglie di Fi­lippo il Macedone e madre di Alessandro Magno.

Visse in un’età di espansione per la Macedonia del consorte; in cui l’Epiro di suo fratello, il Mo­losso, si proietta sull’occidente italiota, istituendo relazioni con Roma; in cui il figlio, Alessandro si proclama successore dell’impero ecumenico dei persiani, esportando una nuova cultura, che sarà quella ellenistica.

Olimpiade fu il tramite tra il Molosso e Filippo, e quindi tra le due sponde adriatiche, tra orien­te e occidente. Donna dalla sensibilità esasperata, dedita a rituali e culti misterici, orfici e dionisia­ci, orgogliosa delle sue mitiche ascendenze troia­ne, esclusiva nel rapporto con il figlio, che l’amò profondamente a dispetto delle irruenti iniziative politiche. Si macchiò di sangue uccidendo anche suoi stretti congiunti, pur di garantire al figlio la successione al regno paterno, e al figlio del figlio l’eredità del genitore.

Durante la conquista dell’Asia, Olimpiade e Ales­sandro restarono in rapporto epistolare, con lettere che ci informano sul presunto mistero del conce­pimento divino del grande conquistatore, che ci ragguagliano sui difficili rapporti della donna con il reggente di Macedonia, che ci dicono dell’appren­sione della madre per la salute del figlio, il quale, da parte sua, la rassicura e la mette al corrente delle sue continue scoperte scientifiche e geografiche ed etnografiche. Lorenzo Braccesi ci propone il pri­mo ritratto di una figura cruciale per la storia della Grande Macedonia e dunque del mondo antico.

Lorenzo Braccesi

Lorenzo Braccesi ha insegnato Storia greca all’Università di Padova. Tra sue pubblicazioni ricordiamo, Giulia, la figlia di Augusto (Roma, 2014), Alessandro il Grande (Roma, 2014)