Paola Italia

Editing Duemila

Per una filologia dei testi digitali

21,00

Versione ebook

Quali testi leggiamo e leggeremo in rete? Come sono cambiati i rapporti fra autore, curatore e lettore, con il passaggio dai testi materiali a quelli immateriali? E quali possibilità si aprono per la filologia nel mondo digitale? Quanto sono affidabili i Promessi Sposi che si leggono in rete?

Dopo il fortunato Editing Novecento Paola Italia torna a riflettere sui temi legati alla produzione, cura e trasmissione dei testi, allargando il campo alla rete e ai rapidi cambiamenti di lettura e scrittura introdotti negli anni Dieci nel nuovo Millennio. Intrecciando riflessioni sviluppate in un decennio di pratiche di filologia digitale – dedicate in particolare a Leopardi e Manzoni, casi di studio del volume, ma ampliando lo sguardo alla poesia contemporanea e al romanzo digitale –, vengono analizzate le nuove strutture e forme del testo, che impongono diversi modelli di lettura, studio e commento, e vengono presentati e discussi alcuni modelli di edizioni digitali, per la definizione di strumenti critici e per la certificazione dei testi in rete.

Il volume offre un panorama aggiornato alle riflessioni e alle pratiche filologiche elaborate nel mondo delle Digital Humanities, ma con una particolare attenzione al tradizionale metodo filologico. Perché la rivoluzione digitale richiede un approccio internazionale e multidisciplinare, ma anche le competenze da sempre richieste al filologo: l’attenzione al testo nel suo dato storico, il suo inserimento in una tradizione, la consapevolezza della nostra responsabilità come produttori, lettori e curatori.

Paola Italia

Paola Italia insegna Letteratura italiana e Scholarly Editing all’Università di Bologna.