Livio Zerbini

Caligola

23,00

Versione ebook

Il giovane Gaio Giulio Cesare Germanico, meglio conosciuto come Caligola, ha avuto un breve regno come imperatore di Roma, poco meno di quattro anni, ma è passato alla Storia come un tiranno pazzo e crudele. La figura
di Caligola è una di quelle tra gli imperatori romani che maggiormente sopravvivono ancor oggi, anche perché il suo principato fu da sempre percepito come una vera e propria parabola dell’abuso di potere e della tirannia senza
freni e limiti.
Sulla scia della storiografia degli ultimi anni, che mette in discussione il ritratto parossisticamente negativo di Caligola trasmesso dagli autori antichi, questo volume delinea la sua complessa personalità, affrancando – almeno
in parte – l’immagine di un principe ritenuto folle, cercando di individuare un disegno politico coerente nei quasi quattro anni del suo principato. Caligola, pur non essendo pazzo, stando al racconto delle fonti, presenta il profilo di uno psicopatico nel senso clinico del termine: egli era a tal punto preso dal senso della propria preminenza da non sentire alcuna responsabilità morale e nessun freno. Questa cieca furia era probabilmente il risultato delle tragiche esperienze vissute nella prima giovinezza e del brusco passaggio da un anonimato trascorso in una sorta di carcere dorato alla corte di Tiberio a quello di princeps dell’Impero romano, con un potere pressoché illimitato, che nel breve volgere di pochi mesi lo portò a una visione del mondo totalmente egocentrica.
Il principato di Caligola rappresentò la palese dimostrazione che l’assetto istituzionale creato da Augusto rischiava
di degenerare in potere assolutistico dinnanzi ad un princeps dalle tendenze dispotiche.

Livio Zerbini

Livio Zerbini insegna Storia romana all’Università di Ferrara, dove dirige il Laboratorio sulle Antiche province Danubiane (LAD), Centro di riferimento a livello internazionale sull’orizzonte danubiano nell’Antichità. Tra le sue ultime pubblicazioni, Le guerre daciche, Bologna 2015.