AA.VV.

Le lingue di Gadda. Atti del Convegno di Basilea 10-12 dicembre 1993

30,00

Esaurito

Nel 1993 una serie di convegni, incontri, giornate di studio hanno celebrato, in Italia e all’estero, il primo centenario della nascita di Carlo Emilio Gadda (1893-1973). Scrittore “difficile”, tra i più arditi del nostro Novecento, caratterizzato com’è da uno stile improntato ad un pastiche linguistico di rara complessità, l’ingegnere resta, proprio per questo motivo, ancor oggi poco noto fuori d’Italia.
Il Convegno di Basilea – svoltosi dal 10 al 12 dicembre 1993, e organizzato da Maria Antonietta Terzoli, docente di Letteratura italiana nella locale Università – ha inteso dunque favorire l’incontro, a livello europeo, con uno scrittore così particolare, e non a caso è stata scelta come sede una città che è tradizionale crocevia di realtà plurilingui. La presenza di studiosi di grande prestigio e dei maggiori specialisti italiani e stranieri dell’“universo” Gadda (da Isella a Gorni, da Roscioni a Orelli, da Agosti alla stessa Terzoli, per ricordarne soltanto alcuni) ha assicurato al simposio un livello di eccezionale qualità, di cui sono testimonianza gli Atti appena pubblicati. L’ampio ventaglio di proposte metodologiche messe in campo ha consentito un approccio a Gadda il più ampio e articolato possibile, spaziando dalla discussione di problemi di carattere generale (filologici e culturali in senso lato), a studi dedicati a singole opere, a proposte di analisi stilistiche, linguistiche e psicanalitiche, per concludere con interventi relativi alla traduzione e alla traducibilità della pagina gaddiana, nonché, specularmente, a Gadda traduttore.
Novità critica e rigore filologico fanno di questo volume un punto di riferimento essenziale, e imprescindibile, nell’ambito degli studi gaddiani. Ampi indici finali agevolano la consultazione dell’opera, impreziosita da 20 tavole f.t. in b/ n (che si riproducono per gentile concessine dell’Agenzia Effigie di Milano).