Antonella Orefice

Eleonora Pimentel Fonseca

22,00

Versione ebook

La protagonista femminile della Repubblica Napoletana del 1799.

Portoghese di nascita e napoletana di adozione, Eleonora Pimentel, da acclamata poetessa e bibliotecaria della corte borbonica, erede del riformismo culturale del Genovesi e del Filangieri, aderì alla causa rivoluzionaria di fine secolo, assumendosi un impegno civile nuovo per una donna del suo tempo. Nominata compilatrice del Monitore Napoletano, organo di stampa del Governo Provvisorio del 1799, con la restaurazione borbonica pagò con la vita l’impegno profuso nella divulgazione delle idee libertarie.

Il volume, oltre ad offrire al lettore una chiara esposizione del complesso periodo storico, fa emergere la biografia della Pimentel in tutti i risvolti drammatici del suo vissuto, dalla separazione dal marito, alle gravidanze mancate, intrecciandola all’evolversi di idee e avvenimenti politico-sociali che caratterizzarono il panorama dell’Italia e particolarmente del Mezzogiorno alla fine del XVIII secolo. Considerata nelle sue vicissitudini umane, oltre che nell’impegno civile, la figura della Pimentel viene raccontata nel suo percorso cronologico e soprattutto nella sua integrità di ‘persona’ e non di ‘personaggio’. L’autrice ripercorre le tappe fondamentali che determinarono le scelte di questa eroina rivoluzionaria e il drammatico epilogo della sua esistenza.

 

 

 

Antonella Orefice

si occupa di ricerche storiche sul XVIII secolo Napoletano e particolarmente sulla Repubblica Napoletana del 1799. Attualmente dirige la rivista digitale Nuovo Monitore Napoletano e collabora con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici e la Società Napoletana di Storia Patria. Tra le sue pubblicazioni, I giustiziati di Napoli dal 1556 al 1862, Napoli 2015.