«Avvenire» del 11/03/2005