Fausto Maria Martini

Si sbarca a New York. Romanzo

15,50

Si sbarca a New York è l’opera certo più nota di Fausto Maria Martini, giornalista, romanziere, uomo di teatro, che fra gli anni Venti e Trenta del secolo scorso godette di larga popolarità.
Nello scrivere del suo viaggio al di là dell’oceano, Martini racconta la sua vicenda interiore di emozioni e di crescita, e ricorda, quasi da esule, l’incontro ai primi del Novecento con Sergio Corazzini e l’esperienza appassionata dei crepuscolari romani. Anche quando la morte precoce di Corazzini, poco più che adolescente, scioglie il gruppo che si radunava attorno a lui, la “fedeltà” di Martini a quell’amicizia e alle ragioni della poesia resta immutata. Il viaggio, o meglio la fuga in America (lontanissima e diversissima dall’Italia di quegli anni), se è da un lato una sorta di iniziazione all’età adulta, è anche conferma delle ragioni profonde di un sogno giovanile, e di un rimpianto, che non abbandonerà mai l’autore, nonostante le vicende drammatiche della prima guerra mondiale, del dopoguerra e del regime fascista.

Fausto Maria Martini

Fausto Maria Martini, nato a Roma il 14 aprile 1886, entrò giovanissimo nel circolo corazziniano dove ebbe una parte di rilievo