Gastone Breccia

Scipione l'Africano

13,99

Svuota
Versione cartacea

In libreria dal 23 novembre.
Ultor patriaeque domusque, «vendicatore e della patria e della famiglia»: così il poeta Silio Italico definisce Publio Cornelio Scipione, testimone della peggiore disfatta della storia militare romana, che raccolse l’eredità del padre ucciso in battaglia e dedicò la vita a rovesciare le sorti della «guerra annibalica», la seconda guerra punica, titanico scontro di potenze per il predominio sul Mediterraneo antico.
Scipione visse sul confine tra due mondi, anticipando con la sua ambizione e il suo carattere sia la crisi del vecchio sia molti aspetti peculiari del nuovo. Da un lato, infatti, resisteva ancora la res publica arcaica, dove ogni deviazione dal rigido costume degli antichi era considerata con sospetto; dall’altro si apriva l’orizzonte del dominio imperiale sul Mediterraneo, ingentilito dalla cultura ellenistica, raffinato e cosmopolita

Gastone Breccia

Gastone Breccia insegna Storia bizantina e Storia militare antica nell’Università di Pavia. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Lo scudo di Cristo. Le guerre dell’impero romano d’oriente, IV- IX secolo (Roma-Bari, 2016).