Boncompagno Da Signa

Rota Veneris

6,00

Esaurito

Databile presumibilmente agli ultimi anni del sec. XII, la Rota Veneris è opera di un personaggio estroso: Boncompagno da Signa, professore di retorica all’Università di Bologna, insofferente ad ogni convenzione accademica e sociale.

Scritta in latino – e qui presentata con traduzione a fronte – l’operetta può considerarsi un vero manuale d’amore in forma epistolare. Ad una iniziale rassegna delle formule di saluto, seguono numerosi esempi di corrispondenze amorose, buoni, si potrebbe dire, per tutte le occasioni.
Recuperata da un Medioevo tanto lontano da apparire favoloso, la Rota Veneris conserva una freschezza e un fascino straordinari, quali convengono a un vero capolavoro della letteratura mediolatina.