AA.VV.

"Favole parabole istorie". Le Forme della scrittura novellistica dal Medioevo al Rinascimento

40,00

L’interesse degli studiosi verso la novellistica è, ormai da tempo, in continua crescita, in un panorama sempre più ricco di interventi, studi, ricerche, edizioni. Così, a dieci anni dal grande Convegno di Caprarola (19-24 settembre 1988), dedicato appunto a La novella italiana, è parso opportuno organizzare un secondo Convegno (Pisa, 26-28 ottobre 1998) che analizzasse Le forme della scrittura novellistica dal Medioevo al Rinascimento.
L’obiettivo era, questa volta, fare il punto sugli studi in materia e approfondire specificamente l’area della novella italiana antica, per tanta parte ancora inedita e poco analizzata. Grande attenzione è stata posta, quindi, alla letteratura bilingue volgare/ latina (con particolare riferimento alla novella umanistica), tradizionalmente trascurata, mentre, rinunciando a troppo rigide definizioni formali, si è privilegiato lo studio delle dinamiche interattive tra generi letterari affini e delle forme narrative nel loro complesso. In questo modo è ben risaltata, in particolare, la ricchezza polimorfica della novella, quella stessa cui allude il logo prescelto per il Convegno, qui esibito in copertina, che designa visivamente il metamorfico e inestricabile intreccio di forme da cui nasce un genere destinato a grande successo nella cultura letteraria, non solo italiana, dei secoli a venire.
I saggi ora agli Atti esaminano, così, tanto le radici letterarie e culturali del Decameron, quanto l’evoluzione della novella fino al Cinquecento, riconsiderando autori in latino e in volgare quali Francesco Petrarca, Leonardo Bruni, Enea Silvio Piccolomini, Matteo Bandello, Gianfrancesco Straparola, Anton Francesco Doni. Dalle numerose questioni affrontate – definizione e identificazione del genere e del relativo lessico retorico; individuazione delle fonti e dell’intertestualità; ricognizione delle varie forme narrative; esercizi di lettura delle singole opere – emerge una nuova immagine della novella, da cui non si potrà prescindere per le ricerche future.