Paul Larivaille
Letture machiavelliane
 
I tuoi acquisti
Non ci sono libri in acquisto  
 
Registrati per ricevere la Newsletter
Offerte

Dante Alighieri
Monarchia

Brenda Deen Schildgen
Dante e l'Oriente

AA.VV.
Lectura Dantis Romana, Cento canti per cento anni, II. Purgatorio, to. 1. Canti I-XVII


Tutti i libri in offerta >>

L'autore. Paul Larivaille ha insegnato Lingua e Letteratura italiana all’Università di Paris x-Nanterre. Tra le sue pubblicazioni, oltre a un’ampia produzione saggistica, si ricordano: Poesia e ideologia. Letture della ‘Gerusalemme liberata’ (Napoli 1987), e più di recente De regnandi peritia / L’Art de régner, texte latin établi par Simona Mercuri, introduction, traduction et notes de P. Larivaille, Paris 2008.



Studi e ricerche per l'Edizione Nazionale delle Opere di Niccolò Machiavelli - 3, pp. 288
maggio 2017
Soggetto
Letteratura italiana I. Dalle origini al Settecento. Saggi
ISBN. 978-88-8402-977-5

€ 28,00
 

L'opera. Al culmine di un lungo percorso di studi machiavelliani, Paul Larivaille ha voluto raccogliere in questo volume dieci saggi tra i numerosi da lui dedicati al Segretario fiorentino. I primi due riguardano l’esperienza politica di Machiavelli, ante res perditas, quando egli ricopriva la carica di Segretario della Seconda Cancelleria della Repubblica fiorentina. Grazie all’apporto decisivo dei vari volumi delle Legazioni. Commissarie. Scritti di governo, Larivaille ricostruisce la maturazione politica di colui che divenne il fidato « mannerino » del gonfaloniere Piero Soderini. Con il ritorno dei Medici a Firenze e l’approdo dell’ormai ex-Segretario alla fase post res perditas della sua esistenza, si penetra nella zona da tempo meglio documentata e insieme piú accanitamente dibattuta del pensiero politico e storico di Machiavelli. I saggi inerenti la seconda fase della sua vita riguardano perlopiú delle questioni tuttora in discussione: relative ai tempi di composizione del Principe, la crisi del principato civile, i destinatari delle opere politiche, le relazioni con i Medici e gli altri “potentati” dell’epoca. Dopo la scommessa repubblicana persa del Discursus florentinarum rerum post mortem iunioris Laurentii Medices, Niccolò s’impegnò a fondo nel lavoro per il quale era stato nel 1520 assunto dagli ufficiali dello Studio: la stesura delle Istorie fiorentine, ultima delle sue grandi opere, in queste pagine fatta oggetto di articolate discussioni, che permettono tra l’altro di misurare la distanza che le separa dal Principe. Chiude la raccolta un saggio inedito, in cui l’autore ha voluto fare il punto, « palinodico, ma non troppo », della propria lunga e appassionata esperienza nel campo degli studi su Machiavelli

 

   

Università Contatti Uffici operativi