Paolo Orvieto
Pulci. Luigi e una famiglia di poeti
 
I tuoi acquisti
Non ci sono libri in acquisto  
 
Registrati per ricevere la Newsletter
Offerte

AA.VV.
Chiose Palatine (Ms. Pal. 313 della Biblioteca Nazionale di Firenze)

AA.VV.
Dante fra il settecentocinquantenario della nascita (2015) e il settecentenario della morte (2021)

Dante Alighieri
Epistole · Egloge · Questio de aqua et terra


Tutti i libri in offerta >>

L'autore. Paolo Orvieto, già professore ordinario di Storia della critica e della storiografia letteraria, Letteratura italiana e Letterature comparate nell’Università di Firenze. Si è occupato in molti saggi del Rinascimento fiorentino, di critica letteraria e di letterature comparate. Tra le sue ultime pubblicazioni si ricorda almeno La vera storia di Giuda (Prato 2016). Per la Salerno Editrice, in questa stessa collana, ha pubblicato Poliziano e l’ambiente mediceo (2009), De Sanctis (2015).



Sestante - 41, pp. 280
maggio 2017
Soggetto
Letteratura italiana I. Dalle origini al Settecento. Saggi
ISBN. 978-88-6973-217-1

€ 18,00
 

Ebook:

 
€ 11,99

 


L'opera. Membro di una famiglia di poeti, anch’essi tutt’altro che trascurabili (i fratelli Luca e Bernardo, la cognata Antonia), Luigi Pulci, l’iniziatore del poema cavalleresco d’autore, è uno dei piú straordinari poeti del Rinascimento volgare. Una biografia, la sua, travagliata, segnata da sintonie culturali con Lucrezia Tornabuoni e soprattutto dal legame quasi morboso per Lorenzo de’ Medici, alternato di connivenze e tradimenti, e costellato da virulente polemiche. Il saggio prende in esame tutte le singole opere di Pulci: le Frottole (spassosa la parodia muliebre di Le galee per Quaracchi, lungo elenco di impiastri per la cosmesi femminile), gli strambotti, la Beca da Dicomano, che va a formare un dittico, forse eccessivamente sensuale, con la piú celebre Nencia da Barberino; la novella la Giostra, sintomo di ancestrali antipatie tra Fiorentini e Senesi, attenta descrizione di sopravvivenze cavalleresche in pieno Rinascimento; oppure celebrazione della supremazia del suo Lorenzo sulle altre famiglie oligarchiche fiorentine, l’altro poema Ciriffo Calvaneo, che, riletto attentamente, ha squarci di straordinario funambolismo linguistico e comico, i sonetti contro disparati avversari e quelli di parodia religiosa. E infine una dettagliata analisi del suo capolavoro, il Morgante, con l’individuazione della rete sotterranea di interferenze tra vita e arte (il re Marsilio è Marsilio Ficino, Margutte Antonio di Guido, Astarotte Luigi Pulci, Pallante Piero de’ Medici, ecc.), del quale si analizzano singoli cantari e si segnalano le molte, se non tutte, possibili fonti, e al quale alla fine viene resa giustizia: non è, come ipotizzava Rajna, un pedissequo plagio dell’Orlando laurenziano che è, invece, orrenda trascrizione canterina del Morgante.

 

   

Università Contatti Uffici operativi