Nicola De Blasi
Eduardo
 
I tuoi acquisti
Non ci sono libri in acquisto  
 
Rassegna stampa relativa al volume

28/05/2017 - Quotidiano del sud
Leggi l'articolo >>

 

31/01/2017 - Repubblica-Napoli
Leggi l'articolo >>

 

29/01/2017 - Eroica Fenice
Leggi l'articolo >>

 
Tutta la rassegna stampa dell'opera>>

Registrati per ricevere la Newsletter
Offerte

Brenda Deen Schildgen
Dante e l'Oriente

AA.VV.
LECTURA DANTIS ROMANA, Cento canti per cento anni, I. Inferno, to. 2. Canti XVIII-XXXIV

Vincenzio Buonanni
Discorso sopra la prima cantica della ‘Commedia’


Tutti i libri in offerta >>

L'autore. Nicola De Blasi insegna Storia della lingua italiana nell’Università di Napoli Federico II. Con Paola Quarenghi ha curato l’edizione critica del Teatro di Eduardo (Milano 2000-2007). Curatore di edizioni critiche di testi napoletani (di Di Giacomo e Russo) ha scritto saggi linguistici su diversi autori (da Dante a Scotellaro) e ha collaborato a un’edizione commentata dei Promessi Sposi (Milano 2014). Tra le sue ultime pubblicazioni si ricordano almeno: Storia linguistica di Napoli (Roma 2012), Geografia e storia dell’italiano regionale (Bologna 2014).



Sestante - 39, pp. 352 - disponibile anche in ebook
novembre 2016
Soggetto
Letteratura italiana II. Otto e Novecento. Saggi
Teatro. Saggistica storica e critica
ISBN. 978-88-6973-153-2

€ 19,00
 

Ebook:

 
€ 11,99

 


€ 11,99

 


L'opera. Autore di primo piano del teatro europeo del Novecento, Eduardo De Filippo (1900-1984) ha trovato una sua cifra inconfondibile nel dosato equilibrio tra elementi comici e drammatici, combinando la tradizione teatrale napoletana con una continua ricerca sperimentale. Sin da Natale in casa Cupiello, che scivola appunto dalla farsa verso la tragedia, l’autore porta allo scoperto il dramma della complessa comunicazione nel microcosmo familiare. Nelle opere di Eduardo si riconosce l’evoluzione della società italiana del Novecento.
Con la continua ricerca di nuovi congegni teatrali modellati sulle storie da raccontare, Eduardo si è sottratto alla gabbia degli stereotipi e dei luoghi comuni, affrontando le diffidenze di chi vedeva in lui “soltanto” un grandissimo attore, ed è riuscito ancora a sperimentare, con la registrazione della traduzione della Tempesta di Shakespeare in un napoletano dalle tinte secentesche, la straordinaria realizzazione di un teatro privo di scena e per voce sola. Una connotazione sperimentale assume anche la sua intensa attività poetica, che nell’arco dei decenni si è affiancata in vario modo alla produzione teatrale.

 

   

Università Contatti Uffici operativi