AA.VV.
Lo spazio letterario di Roma antica. Vol. I. La produzione del testo
 
I tuoi acquisti
Non ci sono libri in acquisto  
 
Registrati per ricevere la Newsletter
Offerte

ROCCATI ALESSANDRO
Introduzione allo studio dell’egiziano

HELENE CARRERE d'ENCAUSSE
La Russia tra due mondi

GUSTAVO CORNI
Fascismo, condanne e revisioni


Tutti i libri in offerta >>



Curatore: a cura di Alessandro Barchiesi, Maurizio Bettini, Mario Bretone, Giuseppe Cambiano, Mario Citrini, Gian Biagio Conte, Paolo Fedeli, Andrea Giardina, Domenico Musti, Pier Giorgio Parroni, Alessandro Perutelli, Giulia Piccaluga


Grandi Opere - , pp. 520 + 48 di tav. f.t.

Soggetto
Letteratura latina e greca. Saggi
ISBN. 978-88-8402-023-9

   
€ 125,00

L'opera. Il passaggio dall’oralità alla scrittura costituisce uno dei momenti meno noti della cultura romana: qui recuperato in tutta la complessità delle sue ascendenze mitologiche, magico-sacrali, folkloristiche. Ma il primo volume de Lo spazio letterario di Roma antica, nell’andare oltre questo preludio, percorre i modelli culturali del fatto letterario nell’articolazione dei suoi generi e nell’«originalità» dei suoi caratteri. Canto epico, poesia d’amore, pensiero storico, filosofia, letteratura didascalica, versi satirici, narrativa, partecipano di generi specifici e di intersezioni che caratterizza la letteratura di Roma. Recuperando la totalità dei saperi, ampio spazio è stato riservato all’analisi dei testi strumentali: dalla produzione giuridica a quella agronomica, dalla tecnica alla scienza. Si tratta di forme spesso ingiustamente relegate ai margini delle storie letterarie, quasi che esse non abbiano contribuito, a pari dignità con quelle definite in senso stretto «letterarie», alla formazione della cultura romana. Già in questo primo volume le vicende del testo – in particolare il suo «farsi» – appaiono non soltanto nella loro dimensione puramente letteraria, ma nella loro dialettica profonda con le dinamiche della società romana.

 

   

Università Contatti Uffici operativi